News_Splash

shutterstock_504980047
Coprifuoco alle 22: cosa cambia nella vita del cane?

Tutti noi sappiamo quanto i nostri amici siano abitudinari nella loro vita. Per questo, quando cambiamo gli orari delle pappe o delle uscite o riduciamo drasticamente le passeggiate, dobbiamo pensare che per loro non è semplice adattarsi, soprattutto perché non possiamo spiegargli i motivi dei cambiamenti che stimo adottando.  Purtroppo come a marzo anche ora, soprattutto chi vive in città e non ha prati o giardini di fronte a casa, ci troviamo di fronte a un periodo difficile, per alcune regioni più difficile che in altre, ma una cosa ci accomuna: il coprifuoco delle ore 22.00. Anche se molti sono convinti che i cani possano comunque uscire durante il coprifuoco, non è stata ancora chiarita ufficialmente questa questione e, alla…

shutterstock_1311501317
I cani possono scendere durante il coprifuoco?

L’emergenza Covid purtroppo continua e, in alcune regioni italiane, è stato istituito il coprifuoco. Di fatto questo impone l’obbligo di rimanere nella propria abitazione, a meno che non ci siano comprovate ragioni di salute e necessità oltre alle ragioni lavorative. Dovremo quindi avere sempre con noi un’autocertificazione da poter mostrare alle forze dell’ordine qualora venissimo fermati per accertamenti. Avendo già affrontato il lockdown, questa ordinanza non ci spaventa più di tanto, eccetto per un piccolo dettaglio: nel testo non si fa riferimento ai cani e alle loro necessità di fare i bisogni fuori casa. Purtroppo a tutt’oggi non è ancora stato chiarito questo punto, e anche le faq che si sono susseguite in questi giorni per chiarire i vari punti…

colpo di calore
Il colpo di calore: evitarlo, riconoscerlo e trattarlo

Con la bella stagione, arriva anche un pericolo per i nostri amici a quattro zampe che spesso viene sottovalutato: il colpo di calore. Purtroppo sono tanti i cani che hanno perso la vita a causa di questo problema e delle complicazioni che le derivano, quindi è importante essere informati su come prevenirlo, riconoscerlo e trattarlo. La prevenzione Prevenire è meglio che curare, si sa. Per fortuna bastano poche regole per proteggere la salute del nostro amico. Per iniziare, durante le giornate estive evitiamo di uscire nelle ore più calde, in particolar modo se abitiamo in città. In questo caso, infatti, oltre al sole diretto, il calore proviene anche dall’asfalto, che raggiunge temperature tali da poter anche scottare le zampe dei…

il tuo cane si stressa con te
Stress da isolamento: aiuta il tuo cane a superarlo al meglio!

Questi giorni possono essere difficili anche per i nostri cani. Infatti c’è stato un cambiamento repentino delle abitudini quotidiane, sia per noi che per loro. Se da un lato il poter stare a casa insieme ci permette di conoscerci meglio e di passare più tempo insieme, dall’altro lato della medaglia ci sono passeggiate brevi e interazioni con i conspecifici e con altre persone ridotte al minimo. Quindi come possiamo fare? Sicuramente cercare di creare una nuova routine che preveda orari delle uscite regolari non può che aiutare i nostri cani. Va benissimo cercare di coinvolgerli in attività in casa come giochi di attivazione mentale o brevi sessioni di ginnastica o tricks; attenzione però a non esagerare. Per il cane il…

shutterstock_1418902676
Il legame cane-uomo

Tra cane e uomo si crea senza dubbio un legame speciale, tanto che molto spesso lo riteniamo parte della nostra famiglia, un elemento importante dal punto di vista sia affettivo, che emotivo. In natura i legami più frequenti che possiamo osservare sono quelli tra madre e figlio e quello tra una coppia maschio e femmina. Questi legami hanno chiaramente un senso anche biologico ed evolutivo (riproduzione, protezione e mantenimento della prole, etc).  Negli animali sociali, che vivono in gruppi più numerosi, si osservano legami diversi da questi due sopra descritti, che i ricercatori non esitano a chiamare di amicizia.  Ma cosa accade se a convivere non sono animali della specie, bensì animali appartenenti a due specie differenti, come l’uomo e…

infografica-coronavirus-2
Gli animali domestici sono fonte di contagio da Covid-19?

Dopo i recenti casi di animali domestici risultati positivi al covid-19, tre a Hong Kong e uno in Belgio, sono cresciuti i mormorii e le preoccupazioni circa la possibilità che i nostri cani e gatti possano essere fonte di contagio della malattia. L’allarmismo nei loro confronti è però da scongiurare: gli studi e i test già eseguiti in laboratorio, hanno dimostrato che i nostri amici a quattrozampe non solo non sono contagiosi per noi, ma nella stragrande maggioranza dei casi non possono essere contagiati da una persona malata. Non solo: se positivi al virus, sviluppano un’infezione asintomatica o con scarsa sintomatologia. Mentre nel gatto belga, infatti, insieme alla positività alla patologia sono stati evidenziati episodi gastroenterici e respiratori, che ad…

shutterstock_423982405
Come pulire le zampe del cane

Spesso capita che i nostri cani, durante la passeggiata, si sporchino le zampe e se abitiamo in appartamento diventa necessario pulirle. In base al tipo di sporcizia possiamo intervenire con metodi più o meno impegnativi.  Un metodo estremamente facile e a portata di tutti è dotarsi di uno straccio bagnato, da passare sui polpastrelli per eliminare terriccio o sporcizia di ritorno da ogni uscita. In base al cane che abbiamo possiamo anche utilizzare un catino con dell’acqua: in questo caso è necessario tamponare bene le zampe per asciugarle, in modo che il cane poi non scivoli sulle piastrelle.  Se le zampe sono molto sporche, possiamo usare dell’acqua saponata (usiamo sempre prodotti adatti ai cani), ma in questo caso diventa necessario…

shutterstock_1644520975
I cani non trasmettono il coronavirus COVID-19

In merito alla notizia di qualche giorno fa, secondo la quale un cane di Hong Kong sarebbe stato trovato positivo al Covid-19, facciamo un po’ di chiarezza. In base alle informazioni divulgate dal Ministero della Salute al momento non ci sono prove che dimostrino che gli animali domestici (cani e gatti) possano essere portatori del virus SARS-CoV-2, né che possano contrarre l’infezione. Ad affermarlo è Umberto Agrimi, direttore del Dipartimento di Sicurezza Alimentare, Nutrizione e Sanità Pubblica Veterinaria dell’Istituto Superiore di Sanità, proprio in merito alla notizia che il 28 febbraio ha fatto il giro del mondo.  Ma veniamo alla notizia: le autorità di Hong Kong qualche giorno fa hanno segnalato che, nella mucosa orale e nasale di un cane che…

shutterstock_256445812
Insegnare la caccia a scuola: l’idea arriva dalla Veneto


Sarebbe questa la nuova proposta presentata dall’assessore all’Istruzione e al lavoro del Veneto, Elena Donazzan, pesantemente attaccata sui social e prontamente difesa dalla consigliera alla Regione Lombardia, Barbara Mazzali (FdI). Secondo quest’ultima, infatti, “l’arte venatoria insegnata a scuola porterebbe ad un’interdisciplinarietà delle materie, ad un collegamento tra scienze, botanica, agricoltura, chimica, geografia, cucina e perché no anche storia. Abbiamo molto da raccontare“. Non è difficile immaginare che si sia già acceso lo scontro con Lac, Lega per l’abolizione della caccia, che ha organizzato una protesta al ministero dell’Istruzione contro questa proposta, rincarando la dose anche tramite le pagine di facebook. “La caccia è solo sfogo di chi si diverte ad uccidere animali selvatici e bambini e ragazzi vanno tenuti lontano…

shutterstock_1627876969
Milano dice no al collare a strozzo!

Milano dice no al collare a strozzo per i cani, no votato dal Consiglio comunale nei giorni scorsi, che sta lavorando al nuovo regolamento per la tutela e il benessere animale. Questo emendamento, che tuttavia prevede alcune deroghe, è stato presentato dal consigliere Carlo Monguzzi (PD) e approvato dall’aula, proseguendo la strada delle novità inaugurata con l’obbligo del “patentino” per i proprietari di cani di razze potenzialmente pericolose (ad esempio, Dogo Argentino, Bull Terrier, Pitt Bull, …). Per quanto riguarda il collare a strozzo, ossia quello strumento che, fatto indossare al cane, si stringe intorno al collo dell’animale provocando una sensazione di soffocamento e inibendolo quando mostra comportamenti indesiderati, secondo il Consiglio comunale la deroga è applicabile solo se utilizzato…

1 2 17