Via F. Reina 28
02 36531809

Il vaccino antirabbico

Dal 2013 nel nostro paese non esiste più l’obbligo del vaccino antirabbico, anche se ancora oggi molti veterinari suggeriscono la vaccinazione per chi risiede o va in vacanza nel nord est dell’Italia. Essendo una zoonosi, ovvero un virus che può essere trasmesso dal cane all’uomo, ed essendo una malattia mortale senza una cura, l’attenzione rimane molto alta. Benché nel nostro paese sia stata praticamente debellata, il rischio rimane quando viaggiamo all’estero, soprattutto in alcune zone dove la malattia è ancora presente. Per questo motivo, per avere il passaporto per il cane, unico documento valido all’estero, è necessario eseguire la vaccinazione.

Quando eseguire il vaccino antirabbico

Il vaccino antirabbico viene richiesto per i viaggi all’estero e, visto che il cane è coperto solo dopo 21 giorni dall’inoculazione, per legge va fatto 30 giorni prima della partenza effettiva. Diversamente, se veniamo fermati alla frontiera il nostro cane potrebbe essere costretto a rimanere in quarantena. Alcuni Paesi, come l’Australia o l’Islanda, richiedono oltre al vaccino antirabbico anche la titolazione anticorpale. Il vaccino antirabbico viene a volte richiesto abbinato alla titolazione per partecipare a Expo o gare. Fino a poco tempo fa, l’obbligo del vaccino c’era anche per animali introdotti nelle isole, ma di recente è stato revocato.

Titolazione anticorpale per la rabbia

Si tratta di un esame di laboratorio che si effettua sul sangue dell’animale, tramite il quale si verifica l’effettiva risposta al vaccino. Se gli anticorpi raggiungono un range specifico, il cane è coperto, diversamente no. Per avere un risultato significativo, l’esame della titolazione va eseguito 30 giorni dopo il vaccino. Il prelievo può essere eseguito da un qualsiasi veterinario, ma il siero va poi spedito in strutture specifiche che eseguono l’analisi. I risultati solitamente ci vengono dati 15 giorni dopo il prelievo. Se abbiamo in programma un viaggio in Paesi che richiedono anche la titolazione è muoversi per tempo o rischiamo di dover lasciare il cane a casa se dovessero verificarsi degli intoppi durante gli esami.

vaccino antirabbico

Quanto costa e quanto dura il vaccino antirabbico

Il vaccino antirabbico ha il costo di una vaccinazione normale, quindi si aggira intorno ai 30-40 euro, mentre l’esame per la titolazione anticorpale è un po’ più caro, circa 60 euro, costo che va comunque sommato a quello della vaccinazione, senza la quale non può essere effettuato. In base al tipo di vaccino fatto, il richiamo va eseguito ogni anno oppure ogni tre anni.

I rischi per il cane

Come qualsiasi altro vaccino, anche il vaccino antirabbico non è esente da rischi per l’animale. Gli effetti collaterali più comuni sono febbre e malessere, ma sono sintomi che normalmente spariscono in poco tempo. Possono tuttavia insorgere effetti collaterali molto più gravi se l’animale è allergico alle sostanze presenti nel vaccino. Come per tutte le vaccinazioni, è importante eseguirla su cani in buona salute e su cuccioli di almeno 3-4 mesi di età.

Se ti è piaciuto questo articolo, seguici anche sull’app Bauwow: trovi le news di Dog Digital nella sezione “the daily bark”

Scarica l’app per iOS

Scarica l’app per Android