Via F. Reina 28
02 36531809

Il cane atleta: scegliere gli sport cinofili giusti

Se amiamo gli sport cinofili e vogliamo cimentarci con il nostro cane in una disciplina, dobbiamo tenere in considerazione molti fattori, prima fra tutti la struttura fisica del cane. Come avviene per gli atleti umani, ci sono alcuni esemplari strutturalmente più portati per una disciplina e altri meno. Cani molto pesanti, grandi e muscolosi, come un terranova per esempio, sono meno portati per sport come l’agility, che predilige animali snelli, agili e leggeri, come i border collie o i jack russell. Tuttavia, potrebbero essere portati per sport come il nuoto, dove i terranova eccellono rispetto ad altre razze.

Anche se il cane ha la struttura fisica adatta a una disciplina, un altro aspetto che non va sottovalutato è quello della motivazione: deve aver voglia di svolgere una specifica attività, diversamente se non si diverte meglio lasciare stare in partenza.

 

La salute prima di tutto

Come succede a noi quando decidiamo di praticare uno sport, la prassi più corretta è quella di sottoporre il cane a un’accurata visita veterinaria ortopedica, per escludere problematiche a carico delle ossa, come la displasia. Fare le “lastre definitive” alle anche e ai gomiti è quindi molto importante per assicurarsi che il cane non abbia problemi in futuro. Se è tutto a posto da questo punto di vista, consigliamo di programmare anche una visita fisiatrica (con un veterinario esperto in fisiatria e medicina dello sport), che ci permetterà di capire se a livello di tendini e muscolatura il nostro compagno è in grado di affrontare un certo tipo di allenamento. La figura del medico fisiatra è molto importante e, durante la vita agonistica del cane, è bene svolgere regolarmente delle visite per accertarsi che sia in perfetta forma e non abbia subito contratture o infortuni più seri.

Non dobbiamo poi sottovalutare l’aspetto dell’alimentazione: un cane sportivo necessita di un maggiore apporto di nutrienti a seconda della tipologia di sport che pratica sprinter (es: agility o flyball)  o endurance (es: canicross o sleddog). Una dieta equilibrata e studiata su misura per lui è sicuramente la scelta più corretta. Evitiamo di creare diete fai da te seguendo le indicazioni che troviamo in rete e affidiamoci a un veterinario esperto in nutrizione.

Se abbiamo un cucciolo è importante seguire tutti i passi sopra descritti, ma prestare anche molta attenzione all’allenamento. Animali di giovane età non dovrebbero essere subito indirizzati su una singola disciplina, meglio dedicarsi a lavori che prevedano sessioni in grado di migliorare la consapevolezza del corpo e la capacità di equilibrio, migliorando anche la tonicità muscolare, sempre in rispetto del fisico che si sta sviluppando. Per questo aspetto possiamo affidarci a istruttori di Balance Safe&Sound.

 

Come allenarsi

Una volta identificata la disciplina sportiva adatta, cerchiamo un istruttore che abbia esperienza. Se la nostra intenzione è cimentarci nelle gare, meglio farci seguire da qualcuno che le ha fatte a sua volta, in modo che possa fornirci il bagaglio di conoscenze necessario per affrontarle al meglio. Come succede per gli sportivi delle discipline umane, non limitiamoci alle sessioni di allenamento specifico, ma dedichiamo del tempo anche alla preparazione atletica generale, senza dimenticare un buon riscaldamento e un defaticamento dopo uno sforzo prolungato. Il nostro cane, come ogni sportivo, ha bisogno di fare esercizi studiati per migliorare la forza muscolare, la flessibilità articolare e la funzionalità cardiaca. Per far questo cerchiamo un istruttore di Canine Cross Training, che ci seguirà in un percorso di allenamento trasversale per una preparazione fisica completa e specifica per lo sport prescelto.

 

 

Si ringrazia la dott.ssa Erica Giustetto del centro Fisioterapico Animal Wellness per i preziosi consigli.