Via F. Reina 28
02 36531809

Gli animali domestici sono fonte di contagio da Covid-19?

Dopo i recenti casi di animali domestici risultati positivi al covid-19, tre a Hong Kong e uno in Belgio, sono cresciuti i mormorii e le preoccupazioni circa la possibilità che i nostri cani e gatti possano essere fonte di contagio della malattia. L’allarmismo nei loro confronti è però da scongiurare: gli studi e i test già eseguiti in laboratorio, hanno dimostrato che i nostri amici a quattrozampe non solo non sono contagiosi per noi, ma nella stragrande maggioranza dei casi non possono essere contagiati da una persona malata.
Non solo: se positivi al virus, sviluppano un’infezione asintomatica o con scarsa sintomatologia. Mentre nel gatto belga, infatti, insieme alla positività alla patologia sono stati evidenziati episodi gastroenterici e respiratori, che ad oggi non sono ancora collegati ufficialmente al coronavirus, negli animali osservati nel sud-est asiatico, due cani e un gatto, invece, l’infezione si è evoluta in forma asintomatica.

Gestire i cani durante l’emergenza Covid-19

Gli animali domestici, quindi, non sono un pericolo per la loro famiglia, più di quanto non possa esserlo un oggetto inanimato, come ad esempio la nostra borsa oppure un cellulare, che riportiamo in casa dopo un’uscita per fare la spesa o per andare al lavoro: per essere sicuri di non correre rischi, bastano alcune semplici accortezze, da attuare come quelle che già da alcune settimane mettiamo in pratica per noi stessi. Ad esempio, quando si esce per una passeggiata con Fido, non permettere ad altre persone di accarezzarlo o coccolarlo, cosa che, comunque, sarebbe buona regola evitare anche in condizioni normali. Al rientro a casa, pulire con acqua e sapone neutro le zampe del cane e, dopo averlo accarezzato e coccolato un po’, lavarsi le mani. Mai utilizzare prodotti aggressivi come la candeggina che, pur non corrodendo le zampe del cane, provoca una profonda irritazione, procurando lesioni alla cute simili a quelle di un’ustione. Non solo, prodotti chimici come questi sono molto pericolosi per i nostri cani che, leccandosi le zampe, potrebbero ingerirne una quantità nociva e sviluppare importanti problematiche di salute.

Compagni fedeli durante la quarantena

Mai come in questo momento, la compagnia di un cane o di un gatto può aiutarci a superare giornate meno movimentate del solito, straordinariamente fuori dalla nostra routine quotidiana. Chi, come loro, è in grado di tenerci compagnia, farci sorridere e allentare tensioni e preoccupazioni? I nostri animali sono una risorsa preziosa nella vita quotidiana e lo sono ancora di più adesso, che ci troviamo in una situazione fuori dal comune: sfruttiamo questo tempo per giocare con loro e conoscerli meglio. E se siamo preoccupati o vogliamo fugare un dubbio, ricordiamoci che il nostro medico veterinario è pronto a fornirci tutte le informazioni che ci occorrono: affidarci ad un esperto, mai come ora, è davvero una mossa vincente!